Denti da latte

Se ti piace l'articolo condividilo!

Denti da latte

I denti decidui, o come chiamati comunemente denti da latte, sono i denti che vanno a costituire la prima dentizione nei bambini. I denti decidui sono in totale 20; in ogni arcata ne troviamo 10 e sono dati da: 2 incisivi centrali, 2 incisivi laterali, 2 canini e 4 molari

Quando erompono e quando cadono i denti da latte?

L’eruzione dei denti decidui, anche se può variare da individuo a individuo, inizia intorno al 6° mese di vita e termina tra il 24° e il 30° mese. L’ordine cronologico nella maggior parte dei casi è dato prima dagli incisivi, poi dal primo molare, successivamente dal canino e per ultimo dal secondo molare.

Calendario denti da latte

L’eruzione dei denti decidui in molti casi non provoca problemi rilevanti; di solito il bambino è portato a mordere continuamente oggetti duri e potrebbe produrre saliva in maggior misura, in alcuni casi però si potrebbe determinare un elevato stato infiammatorio  alle gengive che potrebbe essere anche accompagnato da febbre contenuta oppure da diarrea e il bambino potrebbe presentarsi agitato e dormire male.

Dal 6° anno inizia la perdita dei decidui seguita dall’eruzione dei denti permanenti.  I primi denti permanenti a fare la loro comparsa sono i primi molari che non vanno a sostituire nessun dente deciduo ma si accoderanno ad essi. I primi denti decidui ad essere sostituiti saranno gli incisivi centrali in un periodo che va dal 6° all’8° anno.

I tessuti che costituiscono i denti da latte sono uguali a quelli dei permanenti, però lo smalto risulta più sottile, la dentina è in minore quantità ( è proprio per questo motivo che il dente deciduo rispetto al permanente è meno resistente alla progressione della carie) mentre le camere pulpari sono più grandi.

Ad un semplice esame visivo i genitori possono distinguere i denti decidui dai permanenti dalla differenza di volume, poiché i denti decidui sono più piccoli, dalla differenza di colore, i decidui sono più chiari (bianco latte), e infine le corone sono proporzionalmente più basse nei decidui rispetto ai permanenti.

Può non avvenire la sostituzione di uno o più denti da latte?

Assolutamente si. In alcuni casi il dente deciduo può rimanere in bocca anche a lungo tempo, se non addirittura per tutta la vita; questo solitamente può essere dovuto a diversi motivi:

  • Mancanza del dente permanente sottostante che dovrebbe sostituirlo;
  • Anchilosi del dente permanente sottostante;
  • Anchilosi del dente deciduo;
  • Anomalie di posizione del corrispettivo permanente che dovrebbe sostituirlo.

 I denti da latte vanno spazzolati?

I denti decidui vanno puliti fin dalla loro comparsa nella bocca del bambino. Inizialmente dovranno essere i genitori a pulire i denti e le gengive de bambini 2 volte al giorno. Questo può essere fatto dapprima utilizzando una garza bagnata passandola sui denti e sulle gengive dei bimbi massaggiandole; successivamente sarà usato uno spazzolino morbido e il bambino, osservando da spettatore le manovre dei genitori, con il tempo sarà portato ad imitarle. Inoltre potrà essere utilizzata una dose minima di dentifricio adatto per i bambini al di sotto dei 6 anni (cioè con quantità di fluoro di 500 ppm) che portando fluoruri sui denti li protegge dalla carie e li rinforza.

I bambini con i denti da latte sani vanno portati dal dentista?

Con la comparsa dei primi dentini nella bocca del piccolo paziente sarà utile portarlo dal dentista per fare un esame della bocca e dare dei corretti suggerimenti ai genitori sia sulle manovre di igiene orale sia sulle abitudini viziate da intercettare ed eliminare, come ad es. il succhiamento del pollice o l’uso di ciucci con sostanze zuccherate per far stare tranquillo il bambino, che potrebbero danneggiare la bocca dei piccoli pazienti. Inoltre, in seguito alla prima visita, sarà utile fare delle visite periodiche che saranno stabilite dal proprio dentista per poter valutare lo sviluppo della bocca, l’insorgere di eventuali carie in uno stadio iniziale e quindi quando ancora possono essere facilmente curate senza provocare nessun dolore al bambino ed instaurare un buon rapporto dentista-piccolo paziente, poiché conoscere il dentista in situazioni estreme, come dolore ai denti o traumi alla bocca, porterà il bimbo ad associare il dentista al dolore e creare in lui uno stato di paura verso il dentista che porterà dietro a lungo.

 Cosa fare in caso di carie dei denti da latte?

I denti da latte devono essere curati e mantenuti in salute come i permanenti. Per questo motivo in caso di carie, questa deve essere trattata immediatamente eliminando il tessuto distrutto e ricostruendo la perfetta anatomia del dente per permettere il fisiologico sviluppo dell’apparato stomatognatico. In caso di completa distruzione del dente si dovrà valutare, in seguito alla sua estrazione, l’inserimento di eventuali mantenitori di spazio per evitare poi complicanze durante la permuta.

 Cosa fare in caso di traumi ai denti da latte?

Poiché i danni in caso di trauma dei denti da latte possono essere variabili è bene portare subito il bambino dal dentista per valutare il danno e poter avere da lui i giusti suggerimenti per controllare le eventuali complicazioni che si potranno presentare in seguito.

 

Se ti piace l'articolo condividilo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.