denti devitalizzati, quali conseguenze?

0
0

Gentile dottore,
mia figlia di quindici anni nel mese di giugno ha subito un trauma facciale durante l’ora di ginnastica. Il trauma ha interessato i due incisivi superiori che risultavano leggermente mobili ,ma dalla radiografia non è emersa nessuna frattura.
Il dentista, nelle quattro “visite” che sono seguite, non ha mai evidenziato nulla , nonostante a metà luglio e poi ancora a settembre, io avessi notato che i due incisivi superiori stessero ingrigendo, glielo avessi fatto presente e lui l’ avesse “visitata”.
All’ improvviso ieri, grazie all’ attenzione di un altro dentista che era presente in studio, ho scoperto che i denti di mia figlia sono in necrosi e devono essere devitalizzati !!!
Mi chiedo perche’ il mio dentista non abbia effettuato da subito un esame della sensibilità e mi abbia invece ,sempre tranquillizza e invitata a non preoccuparmi.
LE MIE DOMANDE SONO:
QUALI CONSEGUENZE AVRANNO I DENTI DI MIA FIGLIA? ORA SONO LEGGERMENTE INGRIGITI; DIVENTERANNO DI NUOVO BIANCHI ? SARANNO FORTI E RESISTENTI O LI DOVRA’ REIMPIANTARE?
SONO MOLTO PREOCCUPATA E IMPREPARATA AD UN SIMILE EVENTO.
GRAZIE

  • daniela asked 3 anni fa
  • ultima modifica 3 anni fa
  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
0
0

Buongiorno signora,
immagino che immediatamente dopo l’evento traumatico il collega abbia ritenuto di attendere qualche settimana/mese per formulare una diagnosi certa. Ad ogni modo, ora che la diagnosi di necrosi pulpare è certa, le conseguenze possono essere arginate da una terapia ben eseguita e tempestiva.
La prognosi è incerta in quanto l’esperienza, così come la letteratura, ci dicono che a lungo termine la possibilità di dover estrarre gli elementi è concreta e prevedibile; tuttavia, grazie alle terapie conservative ed endodontiche ben eseguite, minimamente invasive e sempre con l’ausilio della diga di gomma, è possibile ridurre il rischio o comunque allontanare temporalmente l’atto estrattivo.
Il colore degli elementi è recuperabile attraverso la sola terapia canalare (volgarmente detta devitalizzazione) ed eventualmente attraverso una terapia sbiancante a base di perossidi.
Spero di aver chiarito i suoi dubbi e le auguro di risolvere il problema.

  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
Showing 1 result
Your Answer

Please first to submit.