QUANTO COSTA DEVITALIZZARE UN DENTE?

Se ti piace l'articolo condividilo!

Innanzitutto è bene avere chiaro in mente che cosa si intende per devitalizzazione, locuzione inappropriata ma di uso comune.

Si tratta di una operazione chirurgica svolta dall’odontoiatra riguardante le problematiche legate all’endodonto, ovvero i tessuti presenti all’interno del dente, dove si trova la polpa dentaria.
Professionalmente questa procedura odontoiatrica si indica come terapia canalare o terapia endodontica.
La branca dell’odontoiatria che se ne occupa è l’endodonzia.

La polpa è riposta all’interno della camera pulpare e nei canali radicolari, accoglie i vasi sanguigni e le terminazioni nervose dedite alla trasmissione di sensibilità che percepiamo dai nostri denti.
Traumi, fratture del dente, anche parziali, o patologie come la carie, possono raggiungere l’area interna del dente determinando infiammazioni ed infezioni con la conseguente comparsa di forti dolori.
Diventa una situazione dove si ha molto male, è difficile mangiare, bere e tutto ciò ci costringe a mettere mano al portafoglio per risolvere questa situazione.

Quanto costa devitalizzare un dente?

La terapia canalare in questi casi permette di salvaguardare il nostro dente naturale da una probabile estrazione che molte volte necessita di un impianto in sostituzione, il che significa far lievitare i costi dei lavori da dover attuare per risolvere la situazione creatasi.

Il costo di una devitalizzazione varia e dipende da una serie di fattori, in particolare dalla figura professionale che esegue la terapia, se un dentista generale o un Endodontista.

L’endodontista è un odontoiatra specializzato ed esperto per questa tipologia di procedure e tendenzialmente tende a costare di più un suo loro lavoro che quello di un dentista generico, anche più del doppio.

Le conoscenze ed abilità di un endodontista sono solitamente richieste in casi di particolare complessità.
Il prezzo è principalmente variabile in base al dente che deve essere trattato, dal numero dei canali che possiede, andando a stimare un costo più elevato per i denti posteriori che sono multiradicolari.

Per esempio la terapia su di un molare, che ha più canali da lavorare e richiede quindi un trattamento più vasto con una maggiore richiesta di tempo, costerà di più dei denti anteriori che solitamente sono monoradicolari cioè con un solo canale.

Il primo costo a cui si deve far fronte è la prima visita specialistica per valutare il problema, alcuni studi propongono questa come gratuita, tra i dentisti che la fanno pagare, secondo altroconsumo, il prezzo medio si aggira intorno ai 71 euro.

Per avere una buona visione del problema è necessaria una radiografia endorale che viene in media a costare 30 euro ma il più delle volte è compresa nel preventivo della devitalizzazione stessa.

Fattori da considerare che incidono sul tariffario per una cura canalare

  1. Numero e complessità dei canali da trattare.
  2. Regione in cui si vive: i prezzi variano decisamente dal nord Italia al sud, per questioni principalmente di costi di affitto dei locali e del caro vita
  3. Costi di gestione: comprendono il costo dello staff e del dentista, l’affitto, le bollette.
  4. Costi dello strumentario e della componentistica.
  5. Numero di appuntamenti per concludere il trattamento
  6. Tasse ed imposte.

La devitalizzazione non è un’operazione identica per ogni dente, ha una variazione notevole che riguarda in particolare il numero dei canali da trattare, mediamente sempre secondo altroconsumo, la cura canalare in Italia ha un prezzo che varia tra i 150 euro e i 650 euro, con variazioni notevoli tra nord e sud.

Come detto precedentemente, un fattore che incide sul costo finale di una devitalizzazione è il numero dei canali di un dente che varia a seconda se si parla di incisivi, che solitamente sono monocanalari, o i premolari e molari, che presentano più canali, detti perciò multicanalari.

Il costo medio per trattare un singolo canale si aggira intorno ai 120 euro.

I premolari sono solitamente bicanalari, possono nel migliore dei casi presentarne solo uno o nel peggiore dei casi presentarne tre di canali.

I molari possono arrivare ad avere sino a quattro canali.

Questi costi non sono i soli da mettere in conto quando ci si sottopone a questa terapia, bisogna considerare anche il successivo ripristino estetico e funzionale del dente in bocca, ovvero bisogna considerare il costo della ricostruzione, anche qui può variare da una semplice ricostruzione intorno ai 70 euro sino alle più complesse che possono arrivare sui 270 euro secondo quanto scritto da altroconsumo.

Molte volte, quando non gratuita, bisogna anche sommare il costo della prima visita. Nei casi in cui il dente trattato è molto compromesso e non è più possibile ricostruire, si deve ricorrere all’applicazione di una corona in metallo-ceramica o zirconio, soluzione gravosa per il preventivo finale.

Quanto costa incapsulare un dente devitalizzato?

La spesa per una capsula può variare dai 400 euro ai 1200 euro (calcolo stimato tra l’intera penisola) con una media pari a 700 euro cadauna.
A livello globale, ci sono differenze di tariffario per l’erogazione della terapia canalare, vediamo alcuni esempi:

  • Negli Stati Uniti quello che si va a pagare per una devitalizzazione dipende innanzitutto dal tipo di copertura assicurativa che si ha, se non se ne possiede alcuna, mediamente si arriva a pagare circa 600 euro per la devitalizzazione di un canale, generalmente dei denti anteriori, fino ad arrivare a 2000 euro per i denti posteriori, i molari.
  • Nel Regno Unito, le persone che non possono accedere tramite il servizio sanitario nazionale a queste prestazioni arrivano a pagare dai 400 ai 700 euro per terapia canalare.
  • In Australia si registra il più alto costo, per la devitalizzazione di un canale singolo le tariffe variano dai 1200 euro sino ai 2500 euro se eseguito da un endodonzista.
  • Alcuni paesi dell’est Europa come L’Ungheria, la Polonia, la Croazia, offrono il trattamento di un canale singolo con prezzi molto bassi che girano intorno ai 50 euro, motive per il cui ultimamente sono nazioni meta del Turismo dentale.
Se ti piace l'articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *