Abitudini che favoriscono la formazione della placca sui denti

Se ti piace l'articolo condividilo!

Placca. Fin da bambini, siamo stati addestrati a resistere a questo temuto nemico dei denti. Usare regolarmente spazzolino e filo interdentale sono le scommesse sicure per la salute dentale. Che altro si potrebbe fare – o evitare – per tenere la placca fuori dal tuo sorriso?

Cosa è la placca dentale

La placca è un mix appiccicoso di batteri e delle sostanze che secernono. I batteri producono sostanze adesive chiamate mucopolisaccaridi. I batteri quindi vivono in questa pellicola sui denti, chiamato biofilm.

In un primo momento, questo strato viscido è fragile e facilmente rimovibile con lo spazzolamento dei denti.  I batteri nella placca dentale sono liberi di rilasciare acidi che danneggiano lo smalto dei denti. Aggressioni acide regolari sullo smalto possono causare buchi nei denti, comunemente chiamati carie.

Se lasciato solo, anche l’accumulo di placca si indurisce progressivamente, portando così alla formazione di tartaro sui denti.

Il tartaro è placca pietrificata, una volta che si forma, è necessario l’aiuto di un dentista per rimuoverlo, il tartaro non può essere spazzato via con le normali pratiche di igiene personale. Il tartaro sopra la linea gengivale contribuisce anche alla gengivite, che è la malattia infiammatoria delle gengive.

I segreti per evitare l’accumulo di placca non sono poi così segreti. Per assicurarsi di rimuovere la placca bisogna evitare queste cinque cattive abitudini per la salute dei propri denti.

Abitudini che favoriscono la placca

1: Non lavarsi regolarmente i denti

Nessun altro potrebbe notare se non ti lavi i denti due volte al giorno, ogni giorno. Ma i denti ne subiranno le conseguenze. Lavarsi i denti delicatamente due volte al giorno, usando un dentifricio contenente fluoro. La tecnica esatta non è importante (spazzolare verticalmente dalla gengiva verso il dente) quanto la concentrazione per assicurarsi che si sta spazzolando delicatamente tutte le superfici dei denti.

2 : Non usare il filo interdentale ogni giorno

Lo spazzolamento non raggiunge gli spazi tra i denti, ma la placca lo fa. Usare un semplice filo interdentale tutti i giorni spazza via la placca prima che possa provocare danni.

“L’uso del filo interdentale pulisce anche la placca sulla linea genvivale, un’altra area che lo spazzolamento non raggiunge,”, dice Price. Se lasciata da sola, la placca sotto il bordo gengivale può portare alla malattia parodontale.

Se proprio non si può usare il filo interdentale, è consigliabile utilizzare uno dei tanti altri prodotti per pulire gli spazi fra i denti ogni giorno. Sono disponibili in qualsiasi supermercato o farmacia; chiedete al vostro dentista se non siete sicuri di quale utilizzare.

3: Non utilizzare i collutori

E’ stato dimostrato che i collutori con fluoruro sono capaci di prevenire la carie. Risciacqui antibatterici riducono la placca e le gengiviti e attaccano inoltre l’alito cattivo. Usare lo spazzolino e il filo interdentale, e se non lo si fa già, aggiungere un collutorio, preferibilmente al fluoro.

4: Evitare il dentista

Anche se si usano spazzolino e filo interdentale tutti i giorni, un po ‘di placca vi sfuggirà. Nel corso del tempo, la placca si indurisce diventando tartaro, che deve essere rimosso dal dentista.

Gli studi dimostrano che, in generale, le persone che trascurano le visite dal dentista regolarmente hanno più carie e hanno una maggiore probabilità di perdere i loro denti.

La pulizia dei denti una volta all’anno è considerata il minimo sufficiante. La pulizia due volte l’anno può essere indicata per molte persone. “La maggior parte dei dentisti raccomandano la pulizia due volte all’anno o più”.  Il dentista stabilisce da caso a caso l’intervallo tra una pulizia dei denti e la successiva.

5: trascurare gli “spazzolini naturali”

Molto prima che esistessero gli spazzolini da denti e il dentifricio al fluoro, alcuni alimenti hanno avuto un ruolo nel mantenere la placca lontana dai denti.

Mangiare verdure croccanti o frutta con la buccia può tenere lontana la placca. Carote, mele, cetrioli e molti altri tipi di frutta e verdura crude sono amici dei denti, nonostante lo zucchero che contengono. Inoltre, una dieta ricca di frutta e verdura e povera di alimenti lavorati ti protegge da obesità, malattie cardiache e cancro. Bisogna ricordare che lo spazzolino non nasce con l’Uomo…

I batteri amano i carboidrati semplici come lo zucchero. Mangiare caramelle o bere bibite zuccherate lascia depositi di zucchero sui nostri denti, dando ai batteri qualcosa da sgranocchiare. Quindi i batteri formano una pellicola di placca, digeriscono lo zucchero in acido, che danneggia denti.

Tutte le caramelle zuccherate, e maggiormente il cibo spazzatura, in generale, contribuiscono alla formazione di placca. Le bevande o gli alimenti ricchi di zucchero specialmente quelli morbidi o appiccicosi sono particolarmente problematici. … Le bibite zuccherate potrebbero essere la cosa peggiore che si può mettere su i denti.

Evitando queste cattive abitudini si può aiutare a tenere sotto controllo la placca (e mantenere i denti sani).

I solchi e le fessure sui molari possono essere difficili da pulire in alcune persone, anche con una buona cura dei denti. I sigillanti dentali sono un rivestimento in materiale trasparente che ricopre la superficie del dente, che non permette ai batteri e agli acidi di entrare. I sigillanti sono sicuri ed efficaci nel bloccare la placca e prevenire la carie.

Nessun dente può restare senza placca per 24 ore al giorno, semplicemente non è possibile. Ma le buone abitudini nel corso della vita ci aiutano a liberarsi dalla placca ed a salvare il nostro sorriso.

Se ti piace l'articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *