Dentisti in Croazia e turismo dentale: opportunità o rischio?

Se ti piace l'articolo condividilo!

Convenienza economica e risparmio di tempo sono le leve su cui punta il fenomeno del turismo odontoiatrico. Ogni anno migliaia di italiani si recano presso dentisti in Croazia. Ne vale la pena?

Perché italiani e svizzeri si recano nelle cliniche odontoiatriche low cost croate?

Sono due le principali motivazioni che spingono sempre più spesso italiani e svizzeri a scegliere dei dentisti in Croazia per curare le patologie dentali:

  1. prezzi molto bassi
  2. risparmio di tempo

Innanzitutto è importante segnalare che nella maggior parte dei casi ci si reca in Croazia per interventi di implantologia, che sono i più onerosi. I prezzi degli impianti dentali proposti dai dentisti in Croazia o in Ungheria e altri paesi dell’Est Europa sono senza dubbio più bassi rispetto ai rispettivi italiani. La motivazione di tale discrepanza risiede nelle differenti tassazioni italiane e croate.

All’estero si attesta intorno al 20%. Pertanto le tariffe sono necessariamente diverse. Anche le spese per gestire lo studio ed adeguare lo stesso alla normativa vigente in termini di sicurezza per i dipendenti e per i pazienti sono nettamente superiori in Italia: rientrano in questa voce per esempio le spese dei materiali, gli affitti, le attrezzature, le diverse certificazioni dei materiali, l’aggiornamento professionale, gli stipendi dei collaboratori.

Oltretutto, il viaggio per raggiungere la Croazia e l’alloggio sono gratuiti perché pagati interamente dalla clinica dentistica.

I tempi di intervento delle cliniche croate sono in media inferiori rispetto a quelli italiani. Questo avviene spesso perché nelle cliniche estere vengono privilegiati come opzioni terapeutiche i trattamenti di implantologia che di norma richiedono meno appuntamenti per essere portati a termine a differenza di terapie più complesse quali il recupero funzionale dei denti naturali o complessi trattamenti parodontali. 

Dentisti in Italia VS Dentisti in Croazia

images           flag-160485_960_720

In apparenza, curarsi i denti dai dentisti in Croazia conviene e sembrerebbe un’ottima soluzione in termini di risparmio sia di soldi che di tempo. Le cliniche odontoiatriche croate si presentano come il paese dei balocchi per coloro i quali non possono permettersi di spendere cifre considerevoli per la cura dentale. Tuttavia, prima di intraprendere un viaggio verso la Croazia è utile comprendere a fondo quali sono i rischi a cui si va incontro. Di seguito gli aspetti da non trascurare:

  • Differenti norme igienico-sanitarie
  • Rispetto dei tempi clinici
  • Ritorno in Croazia per eventuali controlli

I dentisti italiani devono sottostare a rigide norme igienico-sanitarie spendendo cifre considerevoli per rispettarle, mentre di contro i dentisti Croati non devono sostenere le stesse spese a causa di una normativa differente.

L’aspetto probabilmente più controverso è il rispetto dei tempi clinici. Nelle cliniche dentali turistiche si preferiscono trattamenti più semplici e brevi,  vale a dire quelli concentrati in poche sedute. La motivazione risiede principalmente nel risparmio di tempo. 

Nel caso di visite e controlli futuri, il paziente dovrebbe ritornare in Croazia e confrontarsi con il dentista responsabile dell’impianto. Il viaggio comporterebbe la spesa di altri soldi, tempo perso e insoddisfazione. Dunque si è vero si risparmia all’inizio, ma i problemi potrebbero sopraggiungere dopo.

Il caso Striscia la Notizia

Qualche tempo fa la trasmissione televisiva Striscia la Notizia ha mandato in onda un servizio molto critico nei confronti dell’odontoiatria italiana, accusata di praticare dei prezzi elevatissimi. Al contrario il servizio difendeva il turismo odontoiatrico in Croazia. Per questo motivo il presidente nazionale degli Odontoiatri, ha sporto denuncia per diffamazione contro l’equipe di Striscia la notizia.

Come risposta alle accuse del TG satirico, il Dott. Luca Ortensi in qualità di Presidente dell’AIO di Bologna e il Dott. Luigi Coletti Presidente del Cenacolo di Bologna hanno pubblicato un video nel quale spiegano le motivazioni delle denuncia e del perchè le tariffe dei dentisti italiani sono più elevate rispetto a quelle estere. Il Dott. Ortensi cita altresì un’indagine dell’Eurisko secondo cui soltanto il 4% degli Italiani scelgono mete estere per le cure dentali. E di questo 4% solo il 3% si dichiara soddisfatto della cura ricevuta.

I rischi del turismo odontoiatrico

Sicuramente una certa percentuale di pazienti che scelgono mete estere ed è disposto a pagare bene per la cura dentale, trarrà dei benefici e avrà servizi di qualità. D’altro canto la maggior parte di coloro che si spostano solo per risparmiare economicamente, potrebbero ricevere un trattamento scadente e di qualità non eccezionale.

A livello globale, la formazione dei dentisti e degli assistenti dentali, la normativa imposta agli studi dentistici, la concessione di licenze ai dentisti e la qualità dei servizi dentali è altamente variabile. Pertanto i pazienti che si recano all’estero per la cura dentale, devono diffidare di cliniche che offrono procedure scadenti.

Tutti i pazienti concorderanno sul fatto che viaggiare per un trattamento odontoiatrico non giova alla continuità necessaria alla cura dentale. Il Turismo dentale è fatto di trattamenti sporadici e non garantisce l’assistenza postuma. Se dovessero insorgere delle complicanze i pazienti avrebbero difficoltà nel ritornare nelle cliniche internazionali. E non tutti i dentisti locali sarebbero disposti a risolvere i problemi causati da dentisti esteri.

Inoltre, un rischio significativo a cui vanno incontro coloro i quali scelgono il turismo dentale è legato  al mancato risarcimento legale nei casi di cure negligenti. La maggior parte delle agenzie che si occupano di turismo odontoiatrico obbligano i pazienti a firmare una rinuncia alle azioni legali. Questi documenti proteggono le agenzie in caso di contenzioso. Se il paziente volesse avviare un’azione legale deve rivolgersi ai tribunali del paese della clinica odontoiatrica che gli ha procurato il danno. E molti pazienti reputano costoso intentare una causa in un altro paese.

La globalizzazione accresce il fenomeno del turismo dentale

turismo dentale

Il turismo dentale è un fenomeno in aumento a livello globale. Vi sono numerosi fattori che lo incrementano: il costo elevato delle cure locali, le lunghe liste di attesa per le prenotazioni, bassi costi dei biglietti aerei, internet che consente di far incontrare domanda e offerta con un click. Il motivo principale per cui sempre più pazienti sono costretti a oltrepassare i confini nazionali per le cure dentali risiede nel basso costo dei servizi odontoiatrici.

Ed è proprio grazie al web che coloro i quali necessitano di trattamenti dentali low cost, hanno la possibilità di ricevere assistenza completa per l’organizzazione del viaggio e raggiungere le cliniche odontoiatriche. Vi sono dei tour operator che svolgono sul web un ruolo di intermediazione tra paziente e dentista.

Il fenomeno del turismo dentale coinvolge paesi di tutto il mondo ma gli spostamenti avvengono principalmente tra paesi vicini tra loro. Ad esempio le persone provenienti dal Regno Unito scelgono paesi come la Bulgaria, la Croazia, l’Ungheria, la Slovenia, la Romania, e la Polonia. Gli statunitensi attraversano i confini di Arizona, California e Texas per recarsi in cliniche odontoiatriche low cost in città messicane come Ciudad, Juárez e Tijuana. Alcuni americani usufruiscono di cure odontoiatriche economiche in Argentina, Costa Rica e Perù. Il turismo dentale australiano promuove località come Bangkok e Phuket in Tailandia, proprio per le offerte di servizi odontoiatrici economici.

La clinica odontoiatrica Rident, meta del turismo dentale in Croazia

dentisti croazia

Sempre più Italiani e Svizzeri trovano nel turismo dentale croato un modo per risparmiare tempo e denaro. La clinica Rident è un fiore all’occhiello dell’odontoiatria per stranieri. Specializzata in implantologia  ha 32 studi sparsi per tutta la Croazia e un team di 191 persone per offrire servizi odontoiatrici low cost. Ogni anno accoglie 80.000 italiani. I pazienti non devono neanche preoccuparsi degli spostamenti. Il viaggio è organizzato dalla clinica, attraverso pacchetti all inclusive che comprendono il trasferimento in autobus, l’hotel e il servizio odontoiatrico.

Inoltre, il viaggio e la prima visita sono gratuiti. Va ricordato che anche in Italia la prima visita è gratuita. Per ragioni di vicinanza e di convenienza in termini economici molti ticinesi decidono di raggiungere la clinica Rident. Ogni settimana partono da Bellinzona, nel Canton Ticino, due autobus direzione Parenzo (Istria).

Lì ha sede la clinica Rident più rinomata, e anche la più “frequentata” da persone che non riescono ad affrontare i costi dell’odontoiatria del paese di origine e si sentono costretti ad affidarsi ai dentisti in Croazia.

Spesso i pazienti vengono portati da procacciatori che ricevono una diaria e un fisso su ogni paziente e le spese di alloggio.

In un video della trasmissione televisiva svizzera “Patti Chiari” viene raccontata l’esperienza dei coniugi Moro, una coppia di ticinesi.

Dopo aver chiesto un preventivo ad un dentista svizzero e aver ritenuto che la cifra fosse troppo alta per le proprie disponibilità decidono di affidarsi alla clinica Rident. Vi si recano principalmente per il marito ma il dentista in Croazia propone anche alla moglie di fare una visita. Lei accetta pur essendo stata recentemente visitata dal suo dentista di fiducia che non aveva riscontrato alcun problema serio.

Contrariamente il dentista Croato riscontra dei problemi molto seri di parodontite e comunica alla signora Moro di estrarre dei denti e mettere una protesi. La diagnosi viene effettuata senza visita preliminare semplicemente esaminando l’ortopantomografia. Pertanto la signora Moro rifiuta di proseguire le cure e visitata da un altro dentista ticinese le diagnostica una parodontite curabile che non necessita di estrazione in quanto i denti, seppur compromessi, non mostrano ancora mobilità e prognosi negativa. Inoltre la signora soffre di diabete e l’intervento di implantologia non sarebbe così scontato e privo di rischi.

Guarda il video qui: http://www.rsi.ch/play/tv/popupvideoplayer?id=166818#/t=3

Il video racconta una testimonianza di persone coinvolte nel turismo odontoiatrico croato. Si deduce che la clinica in cui si sono recati predilige l’estrazione dentale piuttosto che la cura con altre terapie. In effetti è più immediato estrarre dei denti per poi inserire degli impianti ma non sempre è il rimedio più efficace poichè ogni caso è a se stante e la visita è essenziale per comprendere il problema a fondo.

Il Prof. Niklaus Lang di Berna, personalità di spicco dell’odontoiatria internazionale afferma che a proposito del caso della signora Moro si può parlare di mutilazione. Sostiene inoltre che un dentista di qualità è colui che risana la bocca e non estrae sempre i denti per risolvere i problemi. I denti infatti andrebbero preservati a tutti i costi e estratti solo quando non si può fare altro. Il prof. Lang parla di una ricerca effettuata in Ungheria sul turismo dentale e riferisce che il 40% degli interventi sono una mutilazione della dentatura, mentre l’altro 40% sono terapie sbagliate.

Dentisti in Croazia e all’estero: opinioni 2015

I siti web delle agenzie turistiche dentali spesso riportano testimonianze molto positive di pazienti piacevolmente soddisfatti dalle cure odontoiatriche estere.

Grazie alla digitalizzazione dell’informazione e al carattere sempre più interattivo dei nuovi media, è possibile farsi un’idea sulle esperienze e sui giudizi di coloro i quali si sono recati presso dentisti in Croazia. Analizzando i commenti nei forum e i blog di settore, si nota come alcuni pazienti sono soddisfatti soltanto per il prezzo basso delle cure dentistiche oltre confine.

Tantissimi pazienti possono anche ritenersi soddisfatti inizialmente per il lavoro svolto dai dentisti in Croazia e inserire recensioni positive. Ma un lavoro ben fatto deve essere valutato col tempo e non solo nel presente.

Se dovessero avere problemi comunque non perderebbero tempo a inserire recensioni negative nei forum.  La maggior parte dei pazienti sono comunque consapevoli di essere soggetti a grandi rischi e subire dei danni. Tuttavia nonostante questi rischi,  l’alto costo delle cure odontoiatriche si traduce in un aumento del numero di persone che utilizzano Internet per trovare le numerosissime agenzie del turismo dentale.

Se si vogliono incoraggiare le persone a rimanere nei paesi di origine e non andare nelle cliniche dentistiche in Croazia o nei paesi dell’Europa dell’Est come l’Ungheria, la Romania, la Serbia, è necessario garantire un’adeguata assicurazione pubblica, una maggiore qualità dei dentisti che operano privatamente, o una combinazione di assicurazione sanitaria pubblica e benefici nel settore privato.

Troppo spesso è la mancanza di scelta che spinge i pazienti a viaggiare in cerca di cure odontoiatriche tempestive a prezzi accessibili anche se di scarsa qualità.

L’invasione delle cliniche odontoiatriche estere sui canali promozionali

dentisti croazia nel web

Per chi volesse farsi un’idea del turismo dentale su internet si troverebbe dinnanzi una vera e propria invasione di messaggi promozionali che invitano e incoraggiano a scegliere dei dentisti in Croazia o in altri paesi dell’Est Europa per le cure dentali.

Le cliniche odontoiatriche low cost investono ingenti somme nel marketing multimediale per accaparrarsi un numero sempre maggiore di pazienti. Ed ecco che i siti web delle cliniche odontoiatriche si trovano nelle prime posizioni su Google.

Ci si trova dinnanzi a messaggi promozionali di viaggi organizzati per recarsi presso dentisti in Croazia come ad esempio “viaggi del sorriso” o “viaggiare e sorridere con dentisti in albania” nel cui sito oltre ad essere inserito il listino prezzi dei trattamenti, è presente anche un blog con una serie di articoli con pareri non del tutto obiettivi. Le agenzie turistiche che si occupano di turismo dentale nei paesi dell’Est Europa promuovono offerte on line per recarsi presso dentisti in Croazia con il viaggio organizzato in toto. Ad esempio la clinica Rident in Croazia che offre anche l’alloggio gratuito.

Rispondere al quesito di dove sia meglio andare non è facile. Tra le cliniche più rinomate vi sono la Unlimited Smile a Rijeka (Fiume) e la clinica del Dott. Martinko a Zagabria, che mette anche il suo volto per promuovere i trattamenti odontoiatrici. Sembra una mera operazione di marketing mirata ad acquisire il maggior numero di pazienti. Anche il Dott. Vukotic della Clinica Trident mette in risalto il suo volto con l’obiettivo di trasmettere fiducia al futuro eventuale paziente. A Fiume vi è anche la clinica Dentvitalis nel cui sito internet vengono fornite delle recensioni di pazienti. 

Vi sono anche delle cliniche, come la Dentalsan a Fiume, che non solo offrono trattamenti odontoiatrici, bensì anche percorsi benessere nelle SPA con servizi estetici e zona relax.

A causa della presenza massiccia di messaggi promozionali e siti internet delle cliniche dentali per stranieri, è alquanto difficile farsi un’opinione in merito. Pertanto sarebbe meglio riflettere bene prima di avventurarsi verso l’ignoto.

 

Se ti piace l'articolo condividilo!

Comments 17

  1. Alla larga dai dentisti croati, dopo la liberatoria che ti fanno firmare si lavano le mani e non vogliono avere a che fare con clienti con problemi creati dagli stessi dentisti. Uno di questi è il dott. di una clinica sopra citata… si e comportato così con me lasciandomi con un danno irreversibile. Un comportamento deontologico dovrebbe o bbligarli a risarcire Si vergogni quel dentista al quale posso solo a ugurargli…….

    1. bisognerebbe fare nomi di queste cliniche dove non si hanno avuto risultati soddisfacenti semplicemente raccontando la propria esperienza. Poi chi legge ne farà l’uso che vuole. altrimenti a che serve leggere commenti negativi se non a spaventarsi?

  2. Personalmente su 23 corone ho messo solo due impianti e siccome sono un bruxista mi hanno fatto andare 4 volte rispetto alle canoniche due e senza costi aggiuntivi praticamente hanno preservato i miei denti e dove erano consumati hanno usato i perni moncone sono passati sei mesi e mi trovo bene per un controllo sono poi andato a Milano che da Torino non è poi chissà dove.Al contrario in Italia siccome avevo i denti consumati per non rialzare con perni mi avevano tagliato le gengive e tali sono rimaste su un ponte rimosso che si staccava sempre già da subito in più i denti si scheggiavano quasi subito.Che dire in Croazia ho avuto un trattamento professionalmente e umanamente migliore.Anzi in Italia ho avuto 2 impianti rimossi e nessuno mi ha rimborsato e questo con lavori fatti in studi in centro di Torino e profumatamente pagati.Con questo non voglio dire che in Croazia sono super e in Italialia fanno schifo .Ma i problemi sopracitati nell’articolo ci sono anche qui e la parte sana dei dentisti anziché prendersela con i croati dovrebbe prima combattere gli incompetenti da noi che sono quelli che ci fanno fare brutte figure.Saluti Mauro Bange

  3. Buonasera…io ho finito proprio ieri di inserire 10 impianti “straumann”. Non ho firmato nessuna liberatoria, anche perchè prima mi sono informato bene ed ho letto per filo e per segno tutto quello che ho firmato.
    Mi hanno detto che questa fatidica “firma” viene chiesta solo se un paziente insiste nel fare un lavoro da loro sconsigliato, cosa che succede anche in Italia.
    Non posso prevedere il futuro sul lavoro che mi è stato fatto ma fino a questo momento lo ritengo ottimo. Cortesia, educazione, pulizia, velocità e risparmio qua di sicuro non mancano. E poi sappiate che errare è umano…quindi può succedere in qualsiasi parte del mondo.
    Inoltre lo studio in cui mi trovo ne ha uno anche a Milano ed io essendo di Varese per qualsiasi problema o controllo posso rivolgermi direttamente lì, a soli 60 km da casa.
    Molto importante valutare sempre bene pro e contro.

  4. Anche io ho avuto una esperienza tremenda proprio con una delle cliniche sopra citate. Alla fine pensano solo ai soldi..è solo fumo negli occhi la finta gentilezza che hanno. Mai più’.

    1. La mia esperienza alla clinica Rident di Fiume è stata un incubo.
      Per la sostituzione di 4 capsule ho fatto ben 12 viaggi perché ogni volta che rientravo si rompevano. Di conseguenza:
      -provare dolori ai pasti
      -assumere medicinali
      -arrabbiarsi ripetutamente
      -fissare nuovi appuntamenti
      -trovare persona x accompagnamento
      -sottopormi a lunghe attese
      -perdere giornate intere
      – scovolgere vita sociale
      -sostenere ambiente ostile e arrogante.
      Dopo un mese dal lavoro definitivo mi sono venuti 2 ascessi. Un dentista italiano mi ha tolto tutto e ora ho un provvisorio.
      ATTENZIONE alla Rident insistevano che togliessi i denti per un impianto. Nessun dentista italiano me lo aveva proposto, neanche ora dopo il calvario subito.

  5. i dentisti croati hanno aumentato il prezzo delle prestazioni in modo vertiginoso, e oggi posso garantirvi che non conviene assolutamente.Io ho fatto un preventivo in italia per un impianto e diverse cure di circa 10mila euro,non potendo affrontare tale spesa ho deciso di contattare una clinica Croata,clinica Arena di Zagabria.Il viaggio mi è costato 100 euro andata e ritorno da Verona, alloggio incluso e visita inclusa.Eravamo un pulmino con 8 persone, ogni viaggio 800 euro di guadagno per la clinica, mica male,quindi col cavolo che vi offrono qualcosa…poi c è la visita e le radiografie gratis, ma lo fanno anche i nostri dentisti…..morale della favola, visita e preventivo in 20 minuti,10500 euro,contro i 10800 dell Italia…in italia tempi di lavoro 15 mesi ,in croazia 6 mesi…meditate gente….meditate

    1. MA INVECE DI CALCOLARE IL GUADAGNO DELLA CLINICA, CHE SAREBBE SACROSANTO, PERCHE’ NON SI LIMITA AD ESSERE PIU’ CHIARO RELATIVAMENTE AL TIPO DI CURA CHE LE HANNO PROPOSTO AL PREZZO DI 10.500 EURO? MAGARI LE DOVEVANO FARE UNA BOCCA PER INTERO….CERCHIAMO DI ESSERE PIU’ CHIARI, PER TUTTI.

  6. Ciao sono Roberto anch’io ho fatto fare un preventivo in Italia,protesi fissa inferiore e superiore.Una legnata non c’è che dire.Senza muovermi da casa ho preso il preventivo,ho tolto gli importi,nome dello studio ed ho inviato tramite mail a diverse cliniche Croate,a Bucarest ecc….sostanza mi hanno dato le medesime quotazioni che mi hanno dato in Italia.Ho risposto loro della mia meraviglia dove in Italia siamo tassati all’ 80% ed in Croazia si e no il 20% che definizione dare…..poi c’è lo sbattimento e poi…. Spesi i soldi garanzie…..Il gioco non vale la candela,portare pazienza e risparmiare anche se oggi è veramente dura risparmiare.

    1. La differenza tra i dentisti della Croazia e l’Italia inizia con il diverso ed evidente tenore di vita tra gli uni e gli altri… Altra differenza è la tassazione statale, molto più alta in Italia perché necessaria a mantenere la classe politica dirigente con i vitalizi…Ultimo e parlando di qualità dei materiali (vedi ponti stradali che crollano, mozzarelle di bufala “blu”, acqua minerale con arsenico ecc… ecc… ecc…) fa dell’Italia uno dei Paesi al mondo con il più alto tasso di criminalità e corruzione dopo la Colombia…In fatto di contraffazione facciamo impallidire anche i Cinesi….

  7. Ciao a tutti!
    Io posso dire che la mia esperienza dal dentista croato è stata molto positiva. Ho conosciuto lo studio 4Smile ad una fiera vicino a Modena. Ero scettica all’inizio però il preventivo di 13000 € in Italia mi ha convinto almeno a richiedere il preventivo dal dentista croato. Mi hanno spiegato tutto in minimo detaglio, ho ricevuto il preventivo per il all on 6 che sono 6 impianti e 12 corone per 5500 €. Tutti i materiali ceritficati e non ho dovuto firmare nessuna liberatoria. Il viaggio e l’alloggio erano gratuiti tutte le 5 volte che dovevo venire. Il lavoro è stato finito entro 6 mesi. Dottor Ivan Antolkovic ha molta pazienza e mani delicate. Anche nei momenti più duri della mia cura ho sentito dolore minimo.

    Forse avevo fortuna a scegliere uno studio piccolo con 1 dentista che ti segue dall’inizio alla fine. Credo che il maggior problema con gli altri studi sia proprio voler fare più del possibile diventando un’industria. Come da per tutto la cosa principale è informarsi bene e guardarsi intorno. Tanta gente in un posto non significa sempre qualità.

    Per me era un bel risparmio ed una bella esperienza. Provate anche voi a richiedere il preventivo ad uno studio piccolo come Dentista Croazia 4Smile, gli potete trovare su facebook.

  8. Ciao sono Alessandro, io ho dell’implantologia in Croazia, nello studio croato Centrodent vicino a Fiume. Ho visto la loro pubblicità su facebook, e sono andato poi a leggere le recensioni su internet. Poi ho chiamato la clinica è ho preso appuntamento (parlano l’italiano). Dopo aver fatto la prima visita e visto il preventivo, ho iniziato subito con i lavori, così ho risparmiato un viaggio, essendo io da Milano. Ho terminato gli impianti dentali i 3 visite,mi sono fermato 2 giorni ogni volta. Al termine dei lavori mi hanno consegneto 2 libretti di certificazione, le fatture in italiano, e la giustificazione medica per il lavoro. Potete trovare la clinica su internet come Centrodent 😉

  9. Ma che rischio c’e’? Se ti rilasciono i libretti di garanzia (almeno la clinica che conosco io), ti informano sui diritti e doveri, non nascondono niente ed e’ tutto trasparente. In piu’, dopo ogni vista chiamano per sentire come stai, per assicurarsi che stai bene e sodisfatto dei lavori. Poi dopo 6 mesi ti mandano anche il messaggio per il controllo. Per me tutto queto significa che sono seri, e che si prendono cura dei propri pazienti….

  10. io mi sono rivolta ad un dentista croato non per risparmiare ma solo perché in italia non esisteva alcun dentista in grado di fare lo stesso tipo di lavoro…………….ad ogni modo non potrei affermare che non ci sono stati problemi ma per la ma questi problemi non legati alle pratiche odontoiatriche piuttosto a delle reattività allergiche visto che gli interventi a cui sono stata sottoposta sono stati molto invasivi………………………..insomma di problemi ce ne sono stati ed anche tanti ma il mio dentista croato è un luminare che sa far bene il suo lavoro e a sua volta gli odontoiatri non sono dei medici e la cura delle complicanze subentrate alla vasta chirurgia implantare a cui mi son sottopostal’ho gestita egregiamente da sola ………………………….infatti il mio potere è stato quello di capire da subito con che tipo di professionista avevo a che fare che per quanto sia un mostro di bravura ha pur sempre dei limiti…………………..fra qualche giorno finirà finalmente il lavoro di riabilitazione odontoiatrica che è stato assai sofferto soprattutto nel post-implantologia e nella fase finale di protesizzazione………………………l’anno prossimo venendo in vacanza in croazia probabilmente farò un solo intervento di implantologia ai soli fini di un completamento dell’opera da parte sempre del mio dentista……………………….comunque non ho mai cercato il mio dentista croato per una forma di risparmio bensì il mio obbiettivo è stato sempre quello di dover pagare un prezzo giusto ma individuare in croazia un dentista che fosse un mostro di bravura di cui mi sarei potuta fidare ciecanente

  11. Sono stata in Zagabria in Croazia e sto vivendo un incubo piu grande della mia vita. Sto facendo causa alla clinica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.