apparecchio ortodontico mobile

Apparecchio ortodontico mobile: cos’è?

L’apparecchio ortodontico mobile è un dispositivo ortodontico, realizzato su misura dal laboratorio odontotecnico ortodontico, che il paziente può rimuovere e riposizionare nel cavo orale. Ve ne sono di diversi tipi, a seconda del problema che si deve risolvere, ma vengono divisi in grandi categorie:

  • Apparecchio mobile: per l’allineamento dentale, cioè apparecchio mobile per denti storti, e la correzione di lievi discrepanze in senso trasversale;
  • Apparecchio funzionale mobile: per la correzione di malocclusioni e problemi scheletrici di II e III classe;
  • Trazioni extraorali: per lo spostamento del mascellare in senso posteriore o anteriore in base alla tipologia scheletrica del paziente;
  • Apparecchio di contenzione mobile: per il mantenimento dei risultati ottenuti dopo il trattamento ortodontico fisso multibrackets;
  • Apparecchio trasparente mobile o Invisalign: per la correzione di affollamenti e malocclusioni di medio – lieve gravità.

Per la giusta realizzazione dell’apparecchio mobile si devono prendere l’impronte al paziente e la masticazione, cioè registrare come il paziente realmente “chiude” le arcate dentarie tra loro. E’ fondamentale la registrazione di una buona impronta per la realizzazione da parte del laboratorio di un dispositivo su misura perfettamente adattabile alla bocca del paziente. L’apparecchio dentale mobile è realizzato in resina con elementi ritentivi o attivi in metallo, di solito acciaio o leghe elastiche, a seconda del dispositivo che si deve realizzare. Vi sono presenti anche elementi attivi come molle, archi retrattivi, viti di espansione e così via, con funzione e forma diversa a seconda dei movimenti dentali che si vogliono ottenere. A differenza dei dispositivi espansivi fissi, che permettono un’espansione ossea con apertura della sinfisi palatina, i dispositivi mobili permettono solamente dei movimenti dento-alveolari, cioè inclinazioni dentali. Con gli apparecchi mobili, quindi, è possibile ottenere movimenti dentali di inclinazione della corona, ma sarà molto difficile avere un movimento della radice dentale o la rotazione dell’elemento, a differenza di quello che si può ottenere con l’apparecchio fisso.

Apparecchio mobile per bambini

Principalmente i dispositivi mobili sono rivolti ai bambini, in età compresa tra i 6 e i 12 anni, in quanto è possibile intercettare i problemi ortodontici ed ossei quando ancora sono di gravità minore (ortodonzia intercettiva) per poi avere un problema di minore entità e risolvibile più facilmente quando si interverrà nella seconda fase con l’apparecchio fisso classico, cioè le famose “stelline”.
Con l’apparecchio mobile funzionale è possibile la correzione di problematiche scheletriche di II e III classe, in senso sagittale, oltre che dentali, e la correzione dei morsi profondi e aperti di varia gravità e la correzione di abitudini viziate, come la deglutizione atipica e il morsicamento del labbro inferiore.

Morso profondo: l’apparecchio mobile è efficace?

In dentatura mista, cioè quando ancora non sono stati cambiati tutti i denti e quindi in un’età non superiore ai 12 anni, vi sono buoni risultati per la correzione del morso profondo, in quanto l’apparecchio permette una maggiore estrusione, cioè fuoriuscita, dei denti nei settori latero-posteriori con correzione del morso anteriore.

Apparecchio mobile: quante ore al giorno lo si deve portare?

Per il corretto funzionamento dei dispositivi funzionali e l’ottenimento dei risultati è fondamentale l’utilizzo notturno e alcune ore pomeridiane, anche se è consigliabile l’utilizzo per più ore possibile, fermo restando che il medico ortodontista darà la giusta prescrizione in base al caso e ai risultati da ottenere. E’ importante sottolineare che l’apparecchio si deve rimuovere durante i pasti, mettendolo nell’apposito box contenitivo che viene fornito, e posizionarlo nel cavo orale solo dopo aver lavato i denti. Mai riposizionare il dispositivo con i denti sporchi, ciò porterebbe al ristagno di cibo e alla comparsa di gengiviti e carie dentali. Il tempo terapeutico complessivo, cioè quanti mesi dovrà essere portato il dispositivo mobile, viene valutato dall’ortodontista e dipende strettamente dalla collaborazione del paziente.

Apparecchio mobile: funziona?

E’ fondamentale la collaborazione del paziente, che dovrà attenersi alle indicazioni date dal medico odontoiatra ortodontista. Dato che il movimento dentale è dato dall’inserimento dell’apparecchio e avendo l’elemento dentario un’elasticità datagli dal legamento parodontale, se l’apparecchio non viene riposizionato nel cavo orale al più presto, ad esempio il paziente è negligente e per 3 giorni di fila non mette il dispositivo, vi sarà un ritorno elastico degli elementi dentari con perdita dei risultati ottenuti e difficoltà all’inserimento dell’apparecchio nel cavo orale.

Apparecchio mobile trasparente

L’apparecchio mobile trasparente è un dispositivo costituito da resina trasparente, il più famoso è il sistema di allineatori Invisalign. Con questi dispositivi si possono risolvere diverse malocclusioni di vario grado ed è indicato per i soggetti adulti, in cui l’estetica è fondamentale e l’utilizzo di un apparecchio quasi del tutto invisibile favorisce l’accettazione dello stesso e la compliance. In genere il caso del paziente viene studiato tramite software apposito e vengono visualizzati i movimenti dentali da ottenere; in base a questi vengono realizzati diversi allineatori in successione, da cambiare circa ogni 2 settimane, in modo da ottenere gradualmente gli spostamenti dentali desiderati e calcolati tramite computer. Il medico odontoiatra ortodontista valuterà se il caso è risolvibile con questa particolare tecnica. Il costo dell’apparecchio mobile trasparente varia in base al numero degli allineatori da utilizzare.

Apparecchio mobile adulti: è indicato?

Tenendo presente che negli adulti sono possibili solamente movimenti dento-alveolari, dato che non è più presente crescita ossea residua, il trattamento con apparecchio dentale mobile è indicato, soprattutto per lievi affollamenti e problematiche o soprattutto come contenzione post ortodonzia fissa, cioè l’apparecchio mobile dopo il fisso, per ottenere il mantenimento dei risultati a lungo termine e scongiurare la temibile recidiva, cioè il ritorno dei denti alla posizione originale o comunque un mancato allineamento degli stessi.

Quanto costa l’apparecchio mobile per i denti?

Il costo dell’apparecchio mobile è variabile in base alla tipologia dello stesso e alla gravità della malocclusione da trattare. Costi e tempi terapeutici sono definiti dal medico ortodontista in base alla sua valutazione del caso.

Come pulire apparecchio denti mobile?

Per una ottimale pulizia dell’apparecchio ortodontico mobile è necessario l’utilizzo di uno spazzolino apposito, che non sarà lo stesso adoperato dal paziente per le manovre di igiene orale, e l’utilizzo di acqua fredda, onde evitare il danneggiamento e la deformazione delle parti in resina e metalliche. Si può adoperare il normale dentifricio o anche sostanze sgrassanti come il sapone per i piatti, fondamentale è il risciacquo che deve essere meticoloso affinché queste sostanze non rimangano nell’apparecchio e causino irritazioni alle mucose orali. E’ possibile utilizzare le apposite pasticche effervescenti, idonee per i dispositivi mobili, che si trovano in farmacia o nei supermercati.

Apparecchio fisso o mobile?

In conclusione si può affermare che con i dispositivi mobili è possibile la risoluzione di parecchie malocclusioni e problemi scheletrici di medio-grave entità, mentre con i dispositivi fissi è possibile la risoluzione di problemi dentali di più grave entità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *