Papilloma sulla lingua: cause, sintomi e cura

Se ti piace l'articolo condividilo!

Il papilloma sulla lingua è una lesione esofitica, cioè che tende a crescere verso l’esterno, peduncolata, cioè che rimane adeso alla mucosa orale tramite un peduncolo e come sedi di elezioni ha la lingua, il palato e i tuberi e trigoni retro molari superiori. Ha un aspetto a “cavolfiore” di colore roseo con tendenza al bianco, con dimensioni variabili da alcuni millimetri ad alcuni centimetri. Il papilloma della lingua non presenta preferenza di sesso, cioè si ha uguale prevalenza tra maschi e femmine, e si manifesta con maggior probabilità a partire dai 30 anni fino ai 60 anni.

Papilloma lingua: cause

Il papilloma alla lingua è causato da virus del papilloma umano (HPV). I virus sono parassiti endocellulari obbligati, cioè necessitano di cellule da parassitare per vivere e riprodursi. I virus del papilloma umano hanno diversi ceppi e sono dei virus a DNA che mostrano un trofismo, quindi parassitano, per l’epitelio cornificato e con le cellule epiteliali squamose, quindi mucose non solo orali, ma anche genitali. Il Dna virale si localizza a livello delle cellule basali dell’epitelio dove può rimanere in uno stato di latenza o innescare un processo di replicazione. I virus dell’HPV sono stati associati con un’ampia varietà di lesioni benigne, precancerose e maligne dell’epitelio stratificato squamoso che riveste la cute e le membrane mucose. Sono stati identificati oltre 120 tipi diversi di HPV associati con varie lesioni cutanee e/o mucose, i tipi 16 e 18 sono considerati a maggior rischio oncogeno, cioè capaci di far sviluppare tumori. La mucosa orale è attaccata da diversi tipi di ceppi di HPV. Le lesioni orali causate dall’HPV sono di 4 tipi:

  • Papilloma squamoso;
  • Verruca volgare;
  • Condilomi acuminati;
  • Iperplasia epiteliale focale.

 

Papilloma squamoso sulla lingua

Come detto prima, una delle sedi d’elezione del papilloma squamoso del cavo orale è la lingua. I ceppi di HPV responsabili sono il: 6,11,13, 16 e 32. I tipi 6 e 11 sono i più frequenti. La distinzione clinica dalle altre lesioni simili come i condilomi o la verruca volgare non è agevole, oltre al consulto del medico odontoiatrico spesso è necessario anche il consulto con il medico dermatologo. Fondamentale è sottolineare che il papilloma squamoso della lingua è una lesione precancerosa, cioè che ha una potenzialità a trasformarsi in carcinoma, quindi bisogna prestare molta attenzione e rimuovere la lesione ed evitare traumatismi alla stessa e sarà molto importante la biopsia del papilloma sulla lingua.

Papilloma virus sulla lingua: sintomi

Le lesioni del papilloma a cellule squamose della lingua sono asintomatiche, cioè non danno dolori, bruciori o pruriti spontanei, ma, essendo peduncolate ed esofitiche, potrebbero sanguinare per traumatismo o se esposte a traumi ripetuti di natura chimica o fisica. Il fatto che la lesione sanguini in maniera spontanea e sia di colore rosso è indice di malignità, la diagnosi di certezza è sempre di natura bioptica, cioè analizzando il tessuto al microscopio.

Come togliere papilloma sulla lingua

Il trattamento consiste nella sua rimozione chirurgica che dovrà essere il più estesa possibile per evitare recidive, cioè ricomparse della lesione. La biopsia della lesione confermerà se l’eziologia della lesione, cioè la causa scatenante, è il virus del papilloma o se è di altra natura.

Il papilloma sulla lingua è contagioso

Il virus del papilloma umano è molto contagioso, avendo trofismo sia per le mucose orali che per le mucose genitali è molto importante evitare i rapporti orali, perché sono la causa maggiore di contagio per il papilloma virus alla lingua, o comunque usare il preservativo come unico mezzo di contraccezione sicuro da qualsiasi malattia trasmissibile a livello sessuale. Ma è importante sottolineare che molti di noi sono venuti a contatto con diversi ceppi di HPV ma senza sviluppare nessun tipo di lesione.

 

Fonti

  • Manuale di patologia e medicina Orale, Giuseppe Ficarra, 3° edizione, McGraw-Hill
  • Manuale di dermatologia medica e chirurgica, Tullio Cainelli, Alberto Giannetti, Alfredo Rebora, 4° edizione, McGraw-Hill.
Se ti piace l'articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *